Film e Telefilm in Quarantena

Bridgerton

Oggi parliamo della serie targata Netflix del momento:”Bridgerton”. Uscita il 25 dicembre sulla piattaforma si è subito posizionata nella top ten Italia, configurandosi tra le serie più viste e più discusse del 2020.

Prodotta da Shonda Rhimes(Grey’s anatomy e Scandal) la serie trae ispirazione dai romanzi rosa di Julia Quinn e narra le vicende sentimentali degli 8 figli del defunto visconte Bridgerton. La prima stagione si basa sul primo romanzo :”il duca e io” con protagonista Daphne, la quartogenita della famiglia Bridgerton, la quale intraprende un patto con l’affascinante duca di Hastings per aiutarlo a districarsi dalle advances delle madri bramose, per conto delle figlie in età da marito e, allo stesso tempo, guadagnare per sé corteggiatori per il matrimonio.

Tra balli, vestiti sontuosi, piccoli intrighi, con il sottofondo delle cronache mondane della sedicente Lady Whisltedown, di cui non si conosce l’identità (svelata a fine stagione) si dipana una storia a forte tasso sentimentale ed erotico.

Sono stati numerosi gli accostamenti con orgoglio e pregiudizio, ma in questo caso si tratta di una sorta di romanzo harmony in salsa storica.

Il paragone tra Daphne ed Elizabeth Bennet si limita alla caparbietà delle protagoniste ma finisce qui, dal momento che l’aspirazione di Elizabeth è affermarsi come donna in una società maschilista, mentre per Daphne l’unica certezza è trovare marito e sposarsi ed è disposta a tutto pur di raggiungere lo scopo che il cliché dell’epoca ottocentesca impone alle donne in età da marito.

Detto questo, si tratta di un prodotto pensato principalmente per il pubblico femminile, per agitare le fantasie delle donne che possono immedesimarsi nel desiderio, poi concretizzatosi, della protagonista.

La serie vuole tradursi anche in un prodotto multirazziale, proponendo, come protagonisti dell’alta società Regency, uomini e donne di colore (anche la regina Carlotta viene proposta come donna di colore).

Visto il successo della prima stagione, considerando che i libri di Julia Quinn, sono 8(tanti quanti i figli del visconte Bridgerton), sicuramente c’è materiale per altrettante stagioni tv.

Senza troppe pretese, è consigliato a tutte le donne che vogliono passare dei pomeriggi a trastullarsi nelle proprie fantasie e godersi la bellezza e la sensualità del duca di Hastings ovvero Rege’Jean Page.

Mapi

1 pensiero su “Bridgerton”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...