Parliamo di..., Teatro

Die Fledermaus – Il pipistrello di Johann Strauss il 23 maggio al Palazzo Grassi di Bologna

Giovedì 23 maggio 2019 alle ore 17, nell’elegante cornice di Palazzo Grassi a Bologna in via Marsala 12, avrà luogo una gustosa messa in scena della celebre operetta Die Fledermaus  Il pipistrello di Johann Strauss II. La trama si snoda nell’arco di una movimentata serata: la giovane e bella Rosalinde (interpretata dal soprano lirico-leggero Eva Macaggi), trascurata dal tanto ricco e facoltoso quanto libertino marito Gabriel von Eisenstein(Maurizio Tonelli), è decisa a incontrare di nascoso un suo spasimante approfittando dell’assenza del consorte: Rosalinde è infatti convinta che Gabriel sconterà una pena carceraria che le permetterà di rimanere da sola per alcuni giorni. La protagonista ignora però che suo marito mediti di andare invece ad una lussuosa festa da ballo, alla quale vuole a tutti i costi partecipare anche la cameriera di casa Eisenstein, Adele (il soprano leggeroGiada Maria Zanzi). La festa diventerà scenario di divertenti equivoci e fra risate, schermaglie amorose e musica, la vicenda si concluderà con un inevitabile lieto fine. La regia è di Maurizio Tonelli. Direttore Musicale e Maestro Concertatore:  Elena Picciolo. Costumi di Fabio Cicolani, Silvia Cerpolini e Natalia Lourdes. Scenografie a cura di Sol Omnibus Lucet APS. 

 

I versatili interpreti annoverano il soprano Eva Macaggi nel ruolo protagonistico femminile: per la giovane artista non è la prima esibizione a Palazzo Grassi (ove ha tenuto un recital, accompagnata dal Maestro Leone Magiera). Diplomata in Canto Lirico al Conservatorio di Bologna sotto la guida di Sonia Corsini, prosegue poi gli studi con Antonella D’Amico e si perfeziona partecipando a importanti Masterclasses nonché ai Corsi di Perfezionamento organizzati dai Teatri Comunali di Bologna e Modena. Si è inoltre laureata con lode in Musicologia presso l’Università di Bologna. Vincitrice del Concorso SIAE: S’illumina, nel 2017 prende parte alla messa in scena in prima assoluta dell’opera contemporanea del compositore Michele Foresi presso l’Accademia Filarmonica di Bologna. Ha debuttato i ruoli di: Adina (L’elisir d’amore di Donizetti), Zerlina (Don Giovanni di Mozart), Bastienne (Bastian und Bastienne di Mozart), Pamina (Die Zauberflöte di Mozart), Oscar (Un ballo in maschera di Verdi), Ninetta (La gazza ladra di Rossini), Berta (Il barbiere di Siviglia di Rossini), L’Angelo (La Resurrezione di Handel), Lesbina (Il filosofo e Lesbina di Gibelli), Fortunata (Satyricon di Maderna), Rad (Il Diluvio Universale di Falvetti), Poppea e Sam’s Wife nell’opera Noye’s Fludde di Britten diretta da Jonathan Webb. Svolge anche un’intensa attività concertistica: nel 2018 si esibisce nello Stabat Mater di Pergolesi per il Festival Internazionale Anima Mundi di Pisa con la direzione artistica di Daniel Harding. Inaugura la stagione 2017 esibendosi nell’ambito dell’80° Maggio Musicale Fiorentino, diretta da Domenico Pierini e accompagnata dai solisti del Maggio, e debuttando nella prima assoluta dell’opera Hayé: le parole, la notte di Mauro Montalbetti, promossa dalla Fondazione Teatri di Reggio Emilia. Nella stagione 2015 è soprano solista nell’ambito della rassegna contemporanea del Teatro La Fenice di Venezia e per la prima assoluta della Sinfonia per Soli, Coro e Orchestra The Alma Materdi Ezio Bosso. Come solista ha inoltre eseguito la prima assoluta de La vera storia del Va’ pensiero di Azio Corghi (commissionata dall’Accademia Filarmonica di Bologna), Sine Titulo di Tommaso Ussardi (prima esecuzione assoluta per la XVII edizione del Premio Magone) e Arts in progress di Matteo Malferrari (prima esecuzione assoluta, con la partecipazione di Fontana Mix, per la Fondazione Zucchelli). Vestirà invece i panni del protagonista maschile il poliedrico attore Maurizio Tonelli: oltre a dedicarsi ad impegni attoriali, è infatti anche regista, sceneggiatore, scenografo, produttore nonché direttore artistico di importanti rassegne culturali ed organizzatore di eventi. Tra le sue esperienze registiche si ricordano: Copenaghen di Michael Frayn, Un cavallo di razza, Living the beat of theatre e Perché sei tu Romeo di Maurizio Tonelli, Le serve di Jean Genet, Peronella di Giovanni Boccaccio, Due signore e un Cherubino di Goliarda Sapienza, La farsa del Maestro Pathelin di Caterina Zarelli e Maurizio Tonelli, Per un poco di Rossetto di Giuseppe di Francesco. In qualità di attore ha invece partecipato alle seguenti produzioni: Aulularia di Plauto, Il dio del massacro di Yasmina Reza, La locandiera di Carlo Goldoni, La morsa e Cecè di Luigi Pirandello, Sarto per signora di George Feydou. Votato al teatro di prosa, fondatore e direttore artistico della Modesta Compagnia dell’Arte, con la quale partecipa a numerosi concorsi, vince diversi premi nonché calca tutt’ora svariati palcoscenici italiani, è recentemente approdato anche allo spettacolo musicale e lirico (particolarmente apprezzata la sua partecipazione come voce narrante ad una produzione di Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus Mozart nei panni di un malinconico Tamino che rievoca le sue vicende passate), come regista e interprete istrionico. Per Giada Maria Zanzi sarà un ritorno al repertorio operettistico tedesco avendo già interpretato il ruolo di Adele in una messa in scena di Die Fledermaus che ha avuto luogo nel novembre 2018 nell’ambito della seconda edizione della rassegna lirica sanlazzarese. Inizia in giovane età la sua formazione artistica, prendendo parte a laboratori teatrali prima, per dedicarsi poi allo studio del canto lirico frequentando i Conservatori di Ferrara (sotto la guida di Paolo Coni) e Bologna. Consegue la Laurea Magistrale in Discipline della Musica col massimo dei voti presso l’Alma Mater Studiourum. Prende parte a diverse Masterclasses che le hanno permesso di perfezionare gli stili barocco e belcantistico ed i repertori non solo lirico, ma anche sacro e madrigalistico. Attualmente si perfeziona sotto la guida del soprano Scilla Cristiano. Dal 2009 svolge un’intensa attività concertistica ed operistica, come solista e artista del coro. Ha preso parte anumerose rassegne e festivals (tra cui si ricordano l’Arezzo Summer Music di Arezzo, Musica a Marfisa d’Este di Ferrara, Suona Francese e Sapere Ascoltare di Bologna); si è esibita ai Teatri Guardassoni e Manzoni di Bologna, ha cantato nell’elegante cornice di Palazzo Barolo a Torino, presso la prestigiosa Accademia Filarmonica e il Teatro Aldrovandi-Mazzacorati di Bologna, ove ha tra l’altro anche debuttato come Susanna ne Le nozze di Figaro di Mozart nel 2017. Semifinalista del Concorso L’Oratorio in Forma Scenica a Porretta (presidente di giuria: Gloria Banditelli) e vincitrice del Concorso Giovani Talenti Creativi del 2016 indetto dal Comune di San Lazzaro ha potuto vestire i panni mozartiani di Königin der Nacht in una peculiare messa in scena per ragazzi di Die Zauberflöte; nello stesso anno è Barbarina in una produzione de Le nozze di Figaroper la Fondazione Zucchelli di Bologna. Ha interpretato più volte Oscar in diverse messe in scena dell’opera Un ballo in mascheradi Giuseppe Verdi: interessante la sua performance a fianco del noto baritono Maurizio Leoni nel dicembre 2017 presso il Teatro Dehon. Nella stagione 2017/2018 ha interpretato anche Serpina(La serva padrona di Pergolesi), Olympia (Les contes d’Hoffmanndi Offenbach), Musetta ne La Bohème di Giacomo Puccini per il San Giacomo Festival e, nel 2019, è stata nuovamente Die Königin der Nacht (Die Zauberflöte di Mozart). Ha collaborato, in qualità di soprano solista, con le Associazioni Le Muse e il Tempo e Mozart 14, e, a Teolo, col duo Jalisse, in un concerto in favore delle vittime del terremoto di Amatrice. Completa il cast artistico la giovane pianista Elena Picciolo: brillantemente laureata in Pianoforte Principale al Conservatorio di Vibo Valentia e in DAMS all’Università della Calabria, consegue successivamente anche la Laurea Magistrale in Discipline della Musica presso l’Università di Bologna. Frequenta prestigiosi Master di perfezionamento artistico in tutta Italia. Docente e concertista, si esibisce, sia come solista  sia in ensemble, abbracciando un repertorio che spazia dalla musica antica sino alla contemporanea.

 

Per la messa in scena dello spettacolo del 23 maggio si ringraziano inoltre il Circolo Ufficiali dell’Esercito e la Modesta Compagnia dell’Arte; per maggiori informazioni contattare il Centralino del Circolo Ufficiali di Bologna al numero 051.411.79.48.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...