Rubriche, Simama Film Milano

Puntata zero

Cosa spinge gli esseri umani a cercare di creare arte?

Cosa ci spinge a voler creare bellezza con la musica, il teatro, il cinema?

Ci sono tante risposte, forse.

Se un extraterrestre arrivasse sulla Terra non si stupirebbe per la nostra tecnologia o per la nostra economia, probabilmente ciò che lo stupirebbe maggiormente sarebbe la nostra arte.

Forse è questo che contraddistingue la nostra umanità ed è quello per cui siamo nati e per cui saremo ricordati.

Questo è il motivo per cui è nata Simama Film: provare a creare storie, raccontandole attraverso il video.

In che modo?

Per capire il nostro modo partiamo dal nostro nome: Simama è la prima parola di un proverbio swahili: “ Simama tazama na sikiliza “ ovvero “ Fermati, guarda e ascolta “.

Queste tre azioni, sono quelle che mettiamo in pratica noi quando creiamo qualcosa ma sono anche quelle che chiediamo a voi quando guardate il nostro lavoro…perché?

Perché le nostre produzioni forse non sono per tutti, forse bisogna dedicar loro del tempo per apprezzarle appieno…bisogna fermarsi un attimo e darsi il tempo di guardare..e ascoltare.

Simama nasce nel 2015 da un’idea di Luca Pasquinelli, ossia io che sto scrivendo.

L’idea di trasformare in video alcune drammaturgie e pièces teatrali scritte da me un paio d’anni prima.

Il nostro primo lavoro è stato un lungometraggio girato nel 2015: Amore. Qui potete guardare il trailer.

Per il nostro debutto abbiamo scelto un film muto… non nel senso del cinema muto degli anni ’30 ma nel senso di una storia raccontata senza parole.

Il film racconta la storia di Nina, divisa tra l’amore per il fratello autistico Theo e l’amore per Chet, fidanzato spacciatore.

I tre protagonisti lottano per la sopravvivenza e insieme lottano per amare, perché qualunque sia la condizione di un essere umano, cercherà sempre l’amore.

Un amore fatto di stracci e toppe, quello di Nina, desiderato così ostinatamente da diventare ‘ strappato ‘, con le unghie e con i denti.

Claustrofobico, l’amore di Chet.

Muto e impenetrabile, quello di Theo.

In un film senza parole diventa importante la musica e noi abbiamo composto tre inediti che accompagnano le immagini del film.
Potete trovarli qui:

Outside The Gutters

Mama Told Me

Le Ciel
Abbiamo tanti progetti in cantiere e un grande sogno…di che sogno si tratta?

Se ci seguirete ve lo confideremo.

A proposito di nuovi progetti, qualche mese fa abbiamo ultimato la realizzazione del nostro secondo lungometraggio ma questa è un’altra storia e ne parleremo, anzi ne scriveremo, la prossima volta….
Luca Pasquinelli

Un pensiero riguardo “Puntata zero”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...